BabelBabele


Bellinzona | 10/11/12 settembre 2021

Il mito di Babele ci parla della perdita della lingua unica e della confusione di tutte le lingue.

Istantaneamente ogni cosa e ogni idea assunsero una pluralità di nomi, gli uomini si dispersero e la torre sovradimensionata, simbolo della loro visione e della loro arroganza, rimase in balia dell’ombra smisurata che anticipa la sua distruzione.

Il mito di Babele ci parla della dispersione dei figli degli uomini sulla faccia di tutta la terra. L’impero babilonese si estendeva dalla città di Babilonia a un gran numero di stati moderni, tra cui l’Iraq, l’Iran, il Libano, la Siria, la Palestina e la Turchia, paesi che oggi conoscono fortissime diaspore. Pur avendo motivi vari e diversi, tutte queste diaspore sono connesse a un altro grande crollo, quello delle Torri gemelle a New York.

A vent’anni dall’11 settembre 2001, Babel osserva le più alte costruzioni dell’immaginazione, i loro crolli e le macerie mirabolanti.

Babel segue la dispersione e la diaspora, nell’antichità come oggi, delle popolazioni e delle lingue sulla faccia di tutta la terra, e sulle linee di questi spaesamenti divina il nostro futuro.

Babel ascolta la condizione punita e plurale che segna la nascita delle diverse lingue, delle contaminazioni e delle scorribande tra le lingue, e la nascita della traduzione.

Le autrici e gli autori che si riuniscono a BabelBabele saranno annunciati a breve. Stay tuned.


Sono aperte le iscrizioni ai laboratori di traduzione letteraria di Babel 2021

Inglese>italiano
Francese>italiano
9-12 settembre 2021

Arabo>italiano
Portoghese>italiano
Spagnolo>italiano
10-12 settembre 2021

Nel 2021 i laboratori di traduzione letteraria che accompagnano il festival sono cinque:  uno dall’inglese con Franca Cavagnoli e Matteo Campagnoli, uno dal francese con Yasmina Melaouah e Maurizia Balmelli, uno dall’arabo con Elisabetta Bartuli, uno dal portoghese con Roberto Francavilla e uno dallo spagnolo con Ilide Carmignani.


23 giugno 2021 | 18:00 | LongLake Festival | Boschetto del Parco Ciani, Lugano
Poethreesome 2020/21: Michelle Steinbeck, Laura di Corcia, Rebecca Gisler

In collaborazione con il Dicastero Cultura, Sport ed Eventi Città di Lugano


17 giugno 2021 | 20:30 | Rassegna «In piazza», LaFilanda, Mendrisio
Bei der Elvezia: Marina Galli e Alexandre Hmine

Für sie bedeutet dar Haus. Für mich hingegen ist es bloss eine Präposition mit Artikel. Dar Elvezia. Bei der Elvezia.

Il romanzo d’esordio di Alexandre Hmine La chiave nel latte (Gabriele Capelli Editore, 2017, vincitore del Premio Studer/Ganz) ha da poco un’edizione tedesca firmata da Marina Galli, dal titolo Milchstrasse (Rotpunktverlag, 2021). Un incontro tra autore e traduttrice potrà sondare le diverse letture che consente la traduzione, capire quali gli scarti, gli ostacoli e le rispettive peculiarità.

Con il sostegno di CTL – Centre de traduction littéraire dell’Università di Losanna.

16 luglio 2021 | 20:00 | Teatro Paravento, Locarno
Alfio Tommasini: Nella Via Lactea

Nel 2020 il fotografo Alfio Tommasini ha pubblicato Via Lactea, un viaggio tra i contadini che producono latte nelle regioni alpine. Di immagine in immagine, il libro delinea un percorso nei “luoghi del latte” che, con le sue atmosfere sospese e raccolte, va a riecheggiare la Via Lattea cosmica. Parleremo del volume con l’autore, proiettando le fotografie e leggendo brani del racconto di Noëmi Lerch inserito nel volume.

In collaborazione con il Teatro Paravento.

27 luglio 2021 | 19:00 | Biblio Café TRA l’altro, Lugano
*Un TESSto al bar*: Nuovi consigli della Luna

Cristian Rossatti racconta la sua traduzione di Passeggiata sotto gli alberi (2021) di Philippe Jaccottet, in ricordo del poeta da poco scomparso.

Con il sostegno del CTL – Centre de traduction littéraire dell’Università di Losanna.


Babel è il festival letterario centrato sulla traduzione, sia in senso stretto – scrittori legati a più lingue e culture a dialogo con i loro traduttori italiani, laboratori di traduzione, traduzioni tra le arti e pubblicazione di libri – sia come metafora di ospitalità linguistica, attraversamento e incontro. Di anno in anno Babel si rivolge a una lingua, a un paese, a un tema, invitando scrittori, artisti, musicisti e traduttori. Tra gli ospiti delle scorse edizioni: Derek Walcott, Amitav Ghosh, Jamaica Kincaid, Ha Jin, Elias Khury, Adania Shibli, Ludmila Ulickaja, Ismail Kadaré, Juan Villoro, Guillermo Arriaga, Marie NDiaye, Adam Zagajewski, Patrick Chamoiseau, Chloe Aridjis, Yu Hua, Asli Erdoğan, Kamel Daoud, The Tiger Lillies, West-Eastern Divan Orchestra e András Keller.

Le varie edizioni del festival >>


Babel is the literary festival focused on translation. Understood as linguistic hospitality, translation is the practice that prompts you to go towards the other, in order to invite the other to your own home, and serves as model for other kinds of hospitality. Babel invites writers who work across languages and cultures, and their Italian translators, as well as artists and musicians, thinkers and performers; the festival promotes translations between different art-forms, organises translation workshops, prizes and residences, and publishes new work.

About Babel >>


Guarda le foto e i ritratti di Alfio Tommasini, le illustrazioni di Juliane Roncoroni, gli interventi di Anna Leader e Karim Forlin per Visual Babel, e i video realizzati durante Babel 2020 | Atlantica.

Vai alla pagina Media >>


Il lavoro di ricerca svolto dal festival porta ogni anno a scoprire testi, contesti, idee, autori affascinanti e inediti: col passare del tempo Babel ha trovato sempre più partner interessati a queste scoperte, che possono così tradursi in filmati, interviste o articoli, e soprattutto in libri, in particolare con la Collana “Alfabeti Babel” delle Edizioni Casagrande e i volumi prodotti in collaborazione con la casa editrice milanese HumboldtBooks.

Babel Press >>


Specimen è la prima rivista on-line intensamente tipografica e interamente multilingue, che persegue la seconda lingua in tutte le sue forme, perché la traduzione, il plurilinguismo, le ecolalie e l’ospitalità linguistica moltiplicano gli strati del linguaggio e pronunciano le trasformazioni, ci doppiano, ci triplicano, ci danno una seconda possibilità.

specimen.press >>

| | |

Torna su