Sono aperte le iscrizioni ai workshop di traduzione letteraria di Babel
inglese-italiano | francese-italiano | portoghese-italiano

Nel 2019 Babel si spinge ai confini delle lingue naturali, alla ricerca di lingue immaginate, scomparse, futuribili, gergali, disprezzate, scientifiche, silenziose, visive ed enigmatiche. Come ogni anno, il festival è accompagnato dai laboratori di traduzione letteraria. Per il workshop dall’inglese gli studenti potranno lavorare con Franca Cavagnoli e Matteo Campagnoli, per il workshop dal portoghese con Roberto Francavilla e Virginia Caporali, per il workshop dal francese con Yasmina Melaouah e Giuseppe Girimonti Greco.

Vai alla pagina del workshop >>


Appuntamenti di giugno

Fotografia e traduzione
Ferdinando Scianna e Franca Cavagnoli

3 giugno | h 18:00 | Laboratorio Formentini per l’editoria | Milano

In più di un’occasione Ferdinando Scianna ha sottolineato le analogie tra il suo lavoro di fotografo e la traduzione, arrivando a dire di sé: “Io sono un traduttore”. La conversazione tra Ferdinando Scianna e Franca Cavagnoli, in calendario nella settimana di Photoweek e moderata da Stefano Salis, si propone di esplorare lo spazio di contiguità tra fotografia e traduzione per comprenderne le affinità. Come accade quando si traduce un testo letterario, la fotografia è educazione alla differenza: suggerisce continui sconfinamenti, ha sempre un respiro metaculturale e arricchisce ciò che si intende con tradurre, inteso come un transitare, un attraversare permanente.

Vai al sito del Laboratorio Formentini >>

Oltre la lingua
Raluca Antonescu, Begoña Feijoó Fariña, Angelika Overath, Dragica Rajčićal

5 giugno | h 17:00 | Spazio 1929 | Lugano

Linguafranca. Agence Littéraire transnationale, in collaborazione con TESS-Babel, presenta la rassegna letteraria OLTRE LA LINGUA, dedicata agli autori stranieri residenti in Svizzera che scrivono in una delle quattro lingue nazionali. Il 5 giugno lo Spazio 1929 ospita le autrici Raluca Antonescu, Begoña Feijoó Fariña, Angelika Overath e Dragica Rajčić, introdotte dalle ideatrici del progetto Mia Lecomte e Laura Accerboni, e presentate da Prisca Agustoni e Alessia Peterhans. Lettura dei testi in originale e traduzione. Interventi musicali del jazzista e compositore Max Pizio.

Poethreesome e Specimen
al Festival Internazionale di Poesia di Genova
Prisca Agustoni, Gianna Olinda Cadonau e Marina Skalova

8 e 9 giugno | h 11:00-20.30 | Palazzo Ducale
Specimen al Salone dei Resilienti
8 giugno | h 21:00 | Palazzo Ducale | Genova
Prisca Agustoni, Rita Dove, Rafael Angel Herra, Brian Holton
9 giugno | h 18:00 | Palazzo Ducale | Genova
Gianna Olinda Cadonau, Marina Skalova, Prisca Agustoni presentano il progetto Poethreesome
9 giugno | h 21:00 | Palazzo Ducale | Genova
Gianna Olinda Cadonau, Marina Skalova, Gary Geddes, Caoilinn Hughes

Dopo la tournée svizzera dello scorso autunno, le poete del progetto Poethreesome 2018, Prisca Agustoni, Marina Skalova e Gianna Olinda Cadonau, portano in Italia il risultato del loro lavoro di scrittura e traduzione. Ad accoglierle, il 25º Festival Internazionale di Poesia “Parole spalancate”, che dal 7 al 16 giugno animerà il capoluogo ligure con 120 eventi gratuiti a Palazzo Ducale e in altri 20 luoghi cittadini. Sabato 8 e domenica 9, “Specimen. The Babel Review of Translations” sarà presente al Salone dei Resilienti, uno spazio dedicato alle realtà che pubblicano e divulgano poesia.

Vai al sito del festival >>

Una traduttrice emergente, uno scrittore esordiente
Elisa Tramontin e Filippo Tapparelli

21 giugno | h 18:30 | Casa della letteratura di Lugano

Elisa Tramontin (Premio Babel-Laboratorio Formentini 2018) e Filippo Tapparelli (Premio Calvino 2018 con il romanzo L’inverno di Giona, pubblicato poi da Mondadori) confrontano le loro esperienze, raccontando i percorsi che li hanno portati a fare il proprio ingresso nell’editoria. L’incontro sarà moderato dalla traduttrice e scrittrice Franca Cavagnoli, giurata del Premio Babel-Laboratorio Formentini e membro del comitato direttivo del Calvino. Alla fine della conversazione si potrà brindare con gli ospiti.
In collaborazione con il Premio Calvino e la Casa della Letteratura di Lugano, e con il sostegno di Infogiovani.


Babel è il festival letterario centrato sulla traduzione, sia in senso stretto – scrittori legati a più lingue e culture a dialogo con i loro traduttori italiani, laboratori di traduzione, traduzioni tra le arti e pubblicazione di libri – sia come metafora di ospitalità linguistica, attraversamento e incontro.

Ogni anno Babel si rivolge a una lingua o a un paese, e questi si presentano sotto forma di scrittori, artisti, musicisti e traduttori, con ospiti come Derek Walcott, Amitav Ghosh, Jamaica Kincaid, Ha Jin, Elias Khury, Adania Shibli, Ludmila Ulickaja, Ismail Kadaré, Juan Villoro, Guillermo Arriaga, Adam Zagajewski, Patrick Chamoiseau, Yu Hua, Kamel Daoud, The Tiger Lillies, West-Eastern Divan Orchestra e András Keller.

Per saperne di più su Babel, sui suoi ospiti e sui temi che lo animano, vai alla pagina dedicata alle varie edizioni del festival.


Specimen è la prima rivista on-line intensamente tipografica e interamente multilingue, che persegue la seconda lingua in tutte le sue forme, perché la traduzione, il plurilinguismo, le ecolalie e l’ospitalità linguistica moltiplicano gli strati del linguaggio e pronunciano le trasformazioni, ci doppiano, ci triplicano, ci danno una seconda possibilità.


Il lavoro di ricerca svolto dal festival porta ogni anno a scoprire testi, contesti, idee, autori affascinanti e inediti: col passare del tempo Babel ha trovato sempre più partner interessati a queste scoperte, che possono così tradursi in filmati, interviste o articoli, e soprattutto in libri, in particolare con la Collana “Alfabeti Babel” delle Edizioni Casagrande e i volumi prodotti in collaborazione con la casa editrice milanese HumboldtBooks.