Babel is the literary festival focused on translation. Understood as linguistic hospitality, translation is the practice that prompts you to go towards the other, in order to invite the other to your own home, and serves as model for other kinds of hospitality. Babel invites writers who work across languages and cultures, and their Italian translators, as well as artists and musicians, thinkers and performers; the festival promotes translations between different art-forms, organises writing and translation workshops, prizes and residences, and publishes new work.

Past editions have featured writers such as Derek Walcott, Marie NDiaye, Adam Zagajewski, Valeria Luiselli, Patrick Chamoiseau, Ljudmila Ulickaja, Ismail Kadaré, Amitav Ghosh, Jamaica Kincaid, Mourid Barghouthi, Asli Erdogan,  Elias Khoury, Yu Hua, Adania Shibli, Samanta Schweblin, musicians such as Arto Lindsay, the West-Eastern Divan Orchestra, Tartit, The Tiger Lillies, and András Keller, as well as several young writers that Babel has translated and published with Swiss and Italian publishers and media.

More >>

News


La diciassettesima edizione di Babel si terrà dal 15 al 18 settembre 2022 con una grande e importante novità: il cambio al vertice per la direzione artistica. Sarà Matteo Campagnoli a guidare una delle rassegne letterarie ticinesi più attese, un cambiamento che guarda tuttavia alla continuità del progetto.

Matteo Campagnoli è infatti tra i fondatori del festival, di cui ha diretto il Settore ricerca fin dalla prima edizione nel 2006. Nato a Milano nel 1970, Campagnoli è scrittore, fotografo e traduttore, tra gli altri, dei poeti Premio Nobel Derek Walcott e Iosif Brodskij per la casa editrice Adelphi. Succede nella direzione artistica a Vanni Bianconi, di recente passato alla RSI in qualità di responsabile della programmazione culturale.

L’idea, o meglio la necessità, di guardare la letteratura attraverso il prisma della traduzione, intesa sia in senso letterale che metaforico; l’attenzione verso tutto ciò che è ibrido, ciò che nasce dall’incontro con l’altro da sé, così come la riflessione sulla complessità di tali relazioni, sono ancora pressanti tanto quanto lo erano quando, grazie a Vanni Bianconi, è cominciata l’avventura di Babel.” – spiega il nuovo direttore – “Per questo posso senz’altro dire che continueremo nel solco di quanto abbiamo fatto finora, portando al pubblico nuovi autori e nuove autrici che lavorano ai confini tra lingue e culture e che, con le loro storie, interrogano costantemente il mondo in cui viviamo”.

Dopo l’edizione dedicata al mito di Babele, all’origine della diaspora e alla moltiplicazione delle lingue, quest’anno Babel si concentra su un altro caposaldo della sua ricerca: la traduzione tra i vari linguaggi artistici. Dal 15 al 18 settembre 2022, Babel invita autori e autrici che lavorano tra più discipline o la cui scrittura si nutre fortemente di altre arti, coniugando come sempre la propria ricerca nel maggior numero di forme possibili.

Stay Tuned


Babel 2022 torna con un’edizione dedicata alla traduzione tra i diversi linguaggi artistici alla scoperta di autori la cui scrittura si nutre fortemente di altre arti.

Il festival sarà accompagnato da quattro laboratori di traduzione letteraria: dal francese con Maurizia Balmelli, Nicolò Petruzzella e l’intervento dell’autore Frédéric Pajak; dall’inglese con Franca Cavagnoli; dallo spagnolo con Ilide Carmignani; dal portoghese con Roberto Francavilla. A completare i laboratori, un incontro con Magda Mandelli (Edizioni Casagrande) e Nicolò Petruzzella (L’Orma Editore) sul rapporto tra traduttore, revisore e redattore.

A fine workshop, gli allievi sosterranno una prova di traduzione: le prove migliori per ogni combinazione linguistica otterranno la commissione di una traduzione dalla rivista multilingue Specimen. The Babel Review of Translations. Tutte le prove riceveranno un feedback.

Iscrizioni e maggiori info >>


Babel è il festival letterario centrato sulla traduzione, sia in senso stretto – scrittori legati a più lingue e culture a dialogo con i loro traduttori italiani, laboratori di traduzione, traduzioni tra le arti e pubblicazione di libri – sia come metafora di ospitalità linguistica, attraversamento e incontro. Di anno in anno Babel si rivolge a una lingua, a un paese, a un tema, invitando scrittori, artisti, musicisti e traduttori. Tra gli ospiti delle scorse edizioni: Derek Walcott, Marie N’Diaye, Adam Zagajewski, Valeria Luiselli, Ismail Kadaré, Amitav Ghosh, Jamaica Kincaid, Patrick Chamoiseau, Mourid Barghouthi, Asli Erdogan, Guillermo Arriaga, Ljudmila Ulickaja, Adania Shibli, Linton Kwesi Johnson, Elias Khoury, Yu Hua, Samanta Schweblin, Abdelfattah Kilito, Arto Lindsay, the West-Eastern Divan Orchestra, Tartit, The Tiger Lillies, András Keller, Mohammad Reza Mortazavi.

Le varie edizioni del festival >>


Prende il via l’edizione 2022 di Poethreesome con Meret Gut per il tedesco, Stella N’Djoku per l’italiano, Matthieu Corpataux per il francese, impegnati nel lavoro di traduzione reciproca durante una residenza all’Istituto Svizzero di Roma dal 3 al 13 marzo 2022. Durante l’anno, Meret, Stella e Matthieu leggeranno i loro testi in vari appuntamenti, tra i quali l’Internationales Literaturfestival Leukerbad, partner principale del progetto fin dalla sua prima edizione nel 2016.

Scopri di più su Poethreesome >>

2021 BabelBabele | Media 


Guarda la registrazione delle dirette streaming

YouTube >>

Guarda i ritratti e le fotografie di BabelBabele

Media >>


Il lavoro di ricerca svolto dal festival porta ogni anno a scoprire testi, contesti, idee, autori affascinanti e inediti: col passare del tempo Babel ha trovato sempre più partner interessati a queste scoperte, che possono così tradursi in filmati, interviste o articoli, e soprattutto in libri, in particolare con la Collana “Alfabeti Babel” delle Edizioni Casagrande e i volumi prodotti in collaborazione con la casa editrice milanese HumboldtBooks.

Babel Press >>


Specimen è la prima rivista on-line intensamente tipografica e interamente multilingue, che persegue la seconda lingua in tutte le sue forme, perché la traduzione, il plurilinguismo, le ecolalie e l’ospitalità linguistica moltiplicano gli strati del linguaggio e pronunciano le trasformazioni, ci doppiano, ci triplicano, ci danno una seconda possibilità.

specimen.press >>

| | |

Torna su