TESS

TESS è un satellite di Babel che orbita tutto l’anno intorno agli spazi del Ticino, sempre in comunicazione con la torre di controllo del festival, che lo ha lanciato nel 2019. Di questo esplora i temi, sondando in particolare il cosmo degli esordienti e gli universi in espansione, senza disdegnare qualche incursione nel lato oscuro dell’editoria.


CALENDARIO

5 giugno | h 17:00 | Spazio 1929 | Lugano
Oltre la lingua: Raluca Antonescu, Begoña Feijoó Fariña, Angelika Overath, Dragica Rajčićal

Linguafranca. Agence Littéraire transnationale, in collaborazione con TESS-Babel, presenta la rassegna letteraria OLTRE LA LINGUA, dedicata agli autori stranieri residenti in Svizzera che scrivono in una delle quattro lingue nazionali. Il 5 giugno lo Spazio 1929 ospita le autrici Raluca Antonescu, Begoña Feijoó Fariña, Angelika Overath e Dragica Rajčić, introdotte dalle ideatrici del progetto Mia Lecomte e Laura Accerboni, e presentate da Prisca Agustoni e Alessia Peterhans. Lettura dei testi in originale e traduzione. Interventi musicali del jazzista e compositore Max Pizio.

21 giugno 2019 | 18:30 | Casa della Letteratura di Lugano
Una traduttrice emergente, uno scrittore esordiente: Elisa Tramontin e Filippo Tapparelli

Una traduttrice emergente e uno scrittore esordiente confrontano le loro esperienze, raccontando i percorsi che li hanno portati a fare il proprio ingresso nell’editoria. Percorsi segnati dall’ottenimento di premi dedicati a chi sta muovendo i primi passi letterari: nel 2018, il lavoro di Elisa Tramontin su Lascia fare a me di Mario Levrero (La Nuova Frontiera) le è valso il Premio Babel-Laboratorio Formentini per le traduzioni in lingua italiana, mentre nello stesso anno Filippo Tapparelli ha vinto il Premio Calvino con il suo primo romanzo L’inverno di Giona (pubblicato poi da Mondadori). L’incontro sarà moderato dalla traduttrice e scrittrice Franca Cavagnoli, giurata del Premio Babel-Laboratorio Formentini e membro del comitato direttivo del Calvino, oltre che del comitato scientifico di Babel. Alla fine della conversazione si potrà brindare con gli ospiti.
In collaborazione con il Premio Calvino, con la Casa della Letteratura di Lugano e con il sostegno di Infogiovani.

11 luglio 2019 | 21:00 | Birreria Bavarese di Bellinzona
Ciclo *Un TESSto al bar*: Matteo Terzaghi parla del suo libro La Terra e il suo satellite

*Un TESSto al bar* si muove nella costellazione dei bar ticinesi al seguito di scrittori e traduttori che li frequentano; li invitiamo a sedere con noi e raccontarci un lavoro recente. Il primo TESSto è La Terra e il suo satellite di Matteo Terzaghi, uscito a maggio per Quodlibet. Una collezione di “temi in classe” sul cosmo, la pioggia, la scrittura e quella particolare sensazione che ti prende la domenica pomeriggio.
Matteo Terzaghi è nato a Bellinzona e tra le altre cose ha pubblicato, sempre per Quodlibet, Ufficio proiezioni luminose (2013, Premio svizzero di letteratura); per Babel e Humboldt Books, Gotthard Super Express, scritto con Peter Weber e con le fotografie di Laurence Bonvin (2015).

30 luglio 2019 | 20:30 | BarLume, Locarno
Ciclo *Un TESSto al bar*: Sándor Marazza parla della sua traduzione delle Confidences di Max Lobe

*Un TESSto al bar* si muove nella costellazione dei bar ticinesi al seguito di scrittori e traduttori che li frequentano; li invitiamo a sedere con noi e raccontarci un lavoro recente. Il secondo TESSto è Confidences di Max Lobe (Éditions Zoé, 2016), che Sándor Marazza sta traducendo in italiano. In questo libro Max Lobe ritorna alla sua terra natia, il Camerun, e narra la storia dei movimenti indipendentisti e del loro leader Ruben Um Nyobè attraverso il linguaggio pervaso di ebbrezza, allegria ma anche gravità del personaggio Ma Maliga.
Marazza è nato a Locarno e attualmente vive tra Locarno e Lisbona. Da diversi anni prende parte all’organizzazione degli Incontri di Bienne e si occupa principalmente di traduzione. Di Max Lobe ha già tradotto La Trinità bantu, uscito nel 2017 per la casa editrice romana 66thand2nd.


ARCHIVIO

28 maggio 2019 | Scuole medie di Cadenazzo
Tradurre le parole in immagini – Le illustrazioni di Antoine Déprez

In uno stile fiabesco e variopinto, ma sempre ombreggiato d’inquietudine, Antoine Déprez ha illustrato albi per bambini e ragazzi (tra gli altri, L’incantesimo della lupa, Edizioni Terre di Mezzo, 2015, e Ameline, Alice Éditions, 2018, entrambi con testi di Clémentine Beauvais), classici della letteratura (Il giro del mondo in 80 giorni per Woongjin editions, 2007) e realizzato disegni per la stampa e la televisione, manifesti, tele e sculture. Insieme a lui, Valeria Nidola, cantastorie di Lugano, che darà voce ad alcuni albi illustrati da Déprez per poi parlare con l’artista del processo di traduzione della parola in figura.

31 marzo 2019 | Locarno | Cinema GranRex
Mariangela Gualtieri

La prima proposta di TESS è una collaborazione con “L’immagine e la parola”: domenica 31 marzo la manifestazione ospita la poetessa Mariangela Gualtieri per un rito sonoro, una conversazione e la proiezione del film Gli Indocili, dedicato al suo lavoro al Teatro Valdoca; alla moderazione c’è Laura Accerboni, poetessa e collaboratrice di Babel.


Con il sostegno di