TOMMASO PINCIO


Tommaso Pincio, pseudonimo di Marco Colapietro (Roma, 1º maggio 1963), ha esordito come fumettista, ha diretto per dieci anni una galleria d’arte internazionale e vissuto tra la fine degli ’80 e l’inizio dei ’90 a New York come assistente di un famoso pittore; è in questo periodo che ha cominciato ad approcciarsi alla scrittura. Ha esordito come romanziere nel 1997 con M.. Successivamente ha pubblicato Lo spazio sfinito (2000) e Un amore dell’altro mondo (2002), un libro che ha diviso la critica letteraria e con il quale l’autore ha acquisito una certa notorietà. Vi si narra la vita di Kurt Cobain, leader del gruppo rock Nirvana, attraverso lo sguardo di un suo amico immaginario. La ragazza che non era lei, pubblicato nel 2005, traccia un bilancio su ciò che è andato perduto e ciò che è rimasto dei sogni di amore e libertà degli anni Sessanta. È invece del 2006 Gli alieni, un’indagine su come l’ipotesi dell’esistenza di civiltà extraterrestri sia diventata uno dei grandi miti dell’era moderna. Di più recente pubblicazione sono le opere Cinacittà. Memorie del mio delitto efferato (2008), romanzo ambientato in una Roma colonizzata dai cinesi e abbandonata dai romani a causa dell’eccessivo innalzamento della temperatura globale; Hotel a zero stelle (2011) saggio autobiografico di dialogo con alcuni grandi della letteratura; Pulp Roma (2012) incentrato sempre sulla città di Roma, il romanzo Panorama (2015) e la raccolta di saggi Scrissi d’arte (2015), accompagnati da una postfazione di Andrea Cortellessa. Per due volte, nel 2006 e nel 2016, è stato finalista al Premio Bergamo. Tommaso Pincio collabora regolarmente alla rivista “Rolling Stone” e alle pagine culturali de “la Repubblica” e “Il Manifesto”, occupandosi perlopiù di letteratura statunitense.

Sabato 19.09

moby dick rete 2
specchio
Elisa Biagini
Tommaso Pincio
Giorgio Vasta

 Teatro Sociale
 10:00

| | |

Torna su